Archivio dei tag

Globalizzazione e prevenzione tra politica, scienza e lavoro

Vincenzo Lucarelli

Dopo un’estate tra molestie di piazza, trionfi di pubblicità, festival di partiti, normativa sugli immobili, disoccupazione galoppante, costo del lavoro e incidenti rilevanti in ambienti di vita e di lavoro il Paese sembra avere smarrito il buonsenso. Mentre si avvia verso un autunno carico di preoccupazioni e di malinconie per i timori prodotti dalle incognite circa la soluzione vera ai problemi presenti nella coscienza collettiva. Problemi che conferiscono una fisionomia drammatica alla quotidianità esistenziale. Maggiori informazioni

Ciclo perverso di emergenze e contaminazioni quotidiane: tra rassegnazione e disarmo morale e civile

Vincenzo Lucarelli

Viviamo un periodo denso di incognite. Ogni giorno una sorpresa spiacevole. Mentre il tempo residuo viene occupato da una corsa senza fine per prevenire, e mettere riparo, a dolori e guasti di una vita sempre più insopportabile; che toglie la forza di reagire contro avversità e posizioni non proprio disinteressate. Che sono l’orrido frutto di fratture sociali. Compromettenti per la stabilità delle comunità locali, sottoposte ad una oscura torsione dissolvente, a dolorose delusioni e a progetti di effimera grandezza.
Maggiori informazioni

Morti bianche, una tragedia senza fine. Tra crisi politico-economica e contributo della prevenzione

Vincenzo Lucarelli

Dal manuale di Epitteto giunge fino a noi un richiamo, caduto nell’oblio da parecchi secoli, che dovrebbe indurci a una attenta riflessione, perché  “non sono i fatti in sé (pure storicamente importanti) a turbare gli uomini, ma i giudizi formulati sui fatti”. Maggiori informazioni

Infortuni sul lavoro e malattie professionali non possono diventare macelleria sociale.

Vincenzo Lucarelli

Parlando di rischi nei luoghi di vita e di lavoro non è possibile evitare una riflessione fugace sulla situazione politica corrente, che si attorciglia su se stessa in uno scontro di posizioni bilaterali, tale da far presagire una vera e propria crisi istituzionale. Maggiori informazioni

Non si vive di solo mercato

Vincenzo Lucarelli

Il titolo di questa nota giornalistica non è la sintesi di un imperativo da cui emergono numerosi dubbi sull’andamento della durevole crisi economica. Piuttosto, è l’espressione di un capitalismo globalizzato, che riguarda tutti noi. In particolare il mondo del lavoro e l’ambiente di vita; due realtà in sofferenza per la perdita di valori pubblici, a partire dalla responsabilità sociale, per finire con la fallacia del libero mercato con cui oggi si ritiene di garantire prosperità e sicurezza. Maggiori informazioni