Archivio dei tag

In Francia stress da lavoro. In itinere come malattia professionale

Vincenzo Lucarelli

Nei giorni scorsi sono stati presentati all’Assemblea nazionale francese 3 emendamenti a una legge sul dialogo sociale, riguardanti l’esaurimento nervoso insorgente nei luoghi di lavoro come patologia meritevole di risarcimento. Sempre che le aziende chiamate in causa ne risultino responsabili obiettivamente.

Il disturbo, che viene definito con il termine inglese burnout (tradotto significa bruciato), è una condizione fisica e psichica con la quale si riducono notevolmente le capacità reattive allo stress.

Peraltro, tale condizione non trova riscontro nei numerosi testi internazionali di riferimento come vera e propria malattia da lavoro, anche se può insorgere (indifferentemente) in qualsiasi ambiente di produzione a seguito di accertamento da parte di esperti della materia, impegnati a verificarne il manifestarsi. Unitamente allo stato d’animo di chi ne è colpito. Maggiori informazioni

Ascensori a rischio abusivismo. Soppressa la Commissione d’esame abilitante

Vincenzo Lucarelli

A causa dello spending review, i professionisti del settore ascensoristico (e persino degli apparecchi di sollevamento: gru, paranchi e montacarichi), non potranno svolgere prestazioni tecniche specifiche essendo stata soppressa la Commissione d’esame deputata ad accertarne la sussistente competenza al termine di 5 anni di praticantato. Maggiori informazioni

Disastro ambientale a Bussi in provincia di Chieti. Il C.S.M. riapre il caso Montedison

Vincenzo Lucarelli

Su intervento del Consiglio Superiore della Magistratura verrà riaperto il fascicolo relativo ai veleni illecitamente riversati dalla mega discarica Montedison nel fiume Pescara che attraversa una parte significativa del territorio regionale abruzzese. Vicenda su cui la SAIL626 con questo online si è occupata ampiamente a suo tempo; per cui quanto si sta per delineare merita senz’altro uno specifico approfondimento.

La decisione di cui sopra, a pochi giorni dalla sentenza “in itinere”, è dovuta alle dichiarazioni di due giudici popolari, che probabilmente non avrebbero espresso, con la necessaria serenità, il loro giudizio di merito, condizionati forse da articoli di stampa sul disastro specifico avvenuto nell’arco di numerosi anni lungo l’alveo del fiume Pescara. Maggiori informazioni

Sintesi di un primato del capitale sul lavoro

Vincenzo Lucarelli

Stefano Cingolani, su Il Foglio di venerdì 1° maggio 2015 (pagina VI e VII) traccia “la fine del ciclo secolare della grande industria manifatturiera” e indica nelle “innovazioni digitali l’accelerazione del processo di un nuovo modello di lavoro”.

Il lavoro, “come l’abbiamo inteso nell’ultimo secolo, cioè dipendente e organizzato, non è (più) il perno della società attuale”, né tantomeno l’alfa e l’omega dell’esistenza. Maggiori informazioni

EXPO 2015 manca il pane per nutrire la mente

Vincenzo Lucarelli

A quasi otto giorni dall’inaugurazione espositiva di Milano, imperniata sull’alimentazione, manca il richiamo al cibo come essenziale alimento dello spirito e della mente.

Agli albori dell’era cristiana il nutrimento prevalente era costituito dal pane, mentre, duemila e più anni dopo, nella capitale lombarda sembrerebbe appartenere al firmamento esclusivo della pura gastronomia. Maggiori informazioni

Una scuola per la vita e il lavoro. Una professione per la società

Vincenzo Lucarelli

Torna ad occupare intere pagine dei giornali quotidiani il tema della formazione professionale, destinata in prevalenza al futuro nella vita, sul lavoro e nella professionalità.

Non è un caso che la SAIL626, dal suo nascere, si sia occupata dell’argomento per il diretto contatto con il territorio, le sue risorse umane e il relativo e polivalente tessuto manifatturiero. Soprattutto come passaggio obbligato verso un compiuto sistema di prevenzione dei rischi nei luoghi di vita e di lavoro. Maggiori informazioni

Crisi ambientale tra chiacchiera e assenza di rigore politico

Vincenzo Lucarelli

La questione della sicurezza è diventata il problema più importante (e angoscioso) dell’attuale momento politico – istituzionale ed economico. Un vero e proprio cruccio, purtroppo sollevato con intermittenza, specie in occasione di traumi nei luoghi di vita e di lavoro.

Secondo la SAIL626, la rimozione delle diffuse emergenze tradisce un profondo fastidio. Che si acuisce quando si tratta di traumi ambientali, a cui si ricollega l’eterno (ritorno dell’identico) appello morale che il Paese, nonostante tutto, avverte in tutta la sua drammaticità. Là dove, sempre più spesso, si registra una reazione istintiva tesa a capire quali scelte la gente comune dovrebbe continuare a subire. Maggiori informazioni

Coscienza del pericolo e costante richiamo alla prevenzione

Vincenzo Lucarelli

A inizio dell’anno scolastico in corso l’impressione diffusa nell’opinione pubblica è che il tempo e l’insensatezza politica abbiano contribuito a logorare l’immagine di una Istituzione pubblica fondamentale per il futuro del Paese.

Tant’è vero che sarebbe una significativa scommessa poter lanciare qualche buona idea, a partire dalla lapalissiana considerazione che non basta mettere in sicurezza gli edifici scolastici. Maggiori informazioni