Archivio dei tag

Morti bianche nei luoghi di lavoro tra insonnia della ragione e della prevenzione

Vincenzo Lucarelli

Dopo quello che abbiamo letto, sentito e memorizzato in questi giorni non ci sarebbe altro da fare che raccogliere in tutta Italia le firme per un referendum a difesa della fragilità crescente della sicurezza sul lavoro e nell’ambiente di vita.

Cinquantuno infortuni mortali sul lavoro nei primi tre mesi del 2015. Solo in Abruzzo, a gennaio scorso, il 4,1% di incidenti in ambito lavorativo contro una media nazionale di 1,5. Il che vuol dire quanto le morti bianche non abbiano cambiato né colore, né gravità e tanto meno cadenza. Maggiori informazioni

Siamo agli Auguri per “qualcosa di nuovo”

Fulvio Fornaro

Sei mesi fa un mia riflessione augurale apparsa sul Blog SAIL626.it recitava: “Commissione morti bianche: in dirittura di arrivo?” Oggi “qualcosa di nuovo”, invero, comincia a muoversi: all’alba di un nuovo giorno di proclami da parte dell’INAIL che continua a sostenere per bocca del suo Presidente (oddio come non era mai accaduto prima è stato precisato che il riferimento era ai soli iscritti INAIL!) che il numero degli infortuni sul lavoro (dati 2013) è in calo! Se poi leggiamo qualche cifra del primo quadrimestre 2014, riferimento Basilicata, Marche e della “mia” Puglia certamente non dormiamo sonni tranquilli. Maggiori informazioni

Un’ulteriore attenzione ai morti sul lavoro e negli ambienti di vita

Vincenzo Lucarelli

Valorizzare l’informazione e la formazione alla sicurezza sul lavoro e nell’ambiente di vita è una scelta professionale ineludibile. Lo dimostra una iniziativa specifica di questi giorni, promossa nell’ambito territoriale della Regione Lazio, da parte del Sindacato CGIL, preoccupato dal ripetersi (nonostante tanti sforzi) di particolari tipologie di infortuni e malattie professionali. Tanto è vero che tale Confederazione ritiene emblematica una ulteriore azione di controllo se è vero che, dall’inizio dell’anno, 22 sono le vittime registrate nei vari ambienti a rischio. E lo sono, ancor più, da Nord a Sud in quanto la cifra citata sale a 265. Per non dire ciò che si registra a causa di valanghe, frane e alluvioni dovute a interventi malfatti sul territorio. Là dove, oltre alla superficialità programmatica, progettuale e realizzativa si somma la speculazione basata sul malaffare. Maggiori informazioni

Commissione morti bianche: in dirittura di arrivo?

Fulvio Fornaro

Nel settembre scorso ricordavamo che il 15 gennaio 2013 (proprio un anno fa), il senatore Oreste Tofani, aveva letto, presso il Senato della Repubblica, il rapporto finale sull’attività svolta dalla Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno degli infortuni sul lavoro con particolare riguardo alle cosiddette «morti bianche». Maggiori informazioni

Commissione morti bianche: perchè non volerla?

Fulvio Fornaro

Il 15 gennaio 2013, relatore il senatore Oreste Tofani, si è tenuta presso il Senato della Repubblica, la relazione finale sull’attività svolta dalla Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno degli infortuni sul lavoro con particolare riguardo alle cosiddette «morti bianche». Il Presidente Tofani, tracciando un bilancio della Commissione da lui presieduta sull’ attività svolta nel corso della XVI legislatura, si soffermava su questioni ancora aperte in materia di salute e sicurezza del lavoro. Maggiori informazioni

Morti bianche, una tragedia senza fine. Tra crisi politico-economica e contributo della prevenzione

Vincenzo Lucarelli

Dal manuale di Epitteto giunge fino a noi un richiamo, caduto nell’oblio da parecchi secoli, che dovrebbe indurci a una attenta riflessione, perché  “non sono i fatti in sé (pure storicamente importanti) a turbare gli uomini, ma i giudizi formulati sui fatti”. Maggiori informazioni