Archivio dei tag

Coscienza del pericolo e costante richiamo alla prevenzione

Vincenzo Lucarelli

A inizio dell’anno scolastico in corso l’impressione diffusa nell’opinione pubblica è che il tempo e l’insensatezza politica abbiano contribuito a logorare l’immagine di una Istituzione pubblica fondamentale per il futuro del Paese.

Tant’è vero che sarebbe una significativa scommessa poter lanciare qualche buona idea, a partire dalla lapalissiana considerazione che non basta mettere in sicurezza gli edifici scolastici. Maggiori informazioni

ALTRI OPERAI INTOSSICATI NELLA MANUTENZIONE DI UNA CISTERNA

Vincenzo Lucarelli

Molfetta in provincia di Bari non ha insegnato nulla, ma anche Scandicci in provincia di Firenze non è da meno. Infatti, non più tardi di 15 giorni fa a Scandicci si è ripetuta, tra la vita e la morte, una intossicazione che ha colpito globalmente 4 operai. Di cui, 2 in preparazione di un intervento di manutenzione periodica all’interno di una fossa biologica; e 2, uno dopo l’altro (con una sequenza che dovrebbe essere arcinota) che la dice lunga sull’applicazione sulle specifiche norme di sicurezza. Peraltro dimenticate, al punto tale che i mal capitati non hanno manifestato la ben che minima percezione del pericolo che correvano. Maggiori informazioni

La prevenzione dei rischi sul lavoro e nei luoghi di vita è una conquista sofferta

Vincenzo Lucarelli

Ancora una volta prevenire morti e malattie professionali a causa di lavoro dipende da una rimodulazione (per via negoziale) delle forme interpretative e applicative di norme e regolamenti codificati.

Abbiamo preso lo spunto da una nota giornalistica, apparsa domenica 5 gennaio 2014 a pagina 4 de Il Sole 24 Ore, a firma di Luigi Caiazza. Che, reca al centro il richiamo a: “4,60 miliardi” l’eventuale costo degli oneri amministrativi per la sicurezza per le medie e piccole aziende. Maggiori informazioni

Infortuni sul lavoro e malattie professionali non possono diventare macelleria sociale.

Vincenzo Lucarelli

Parlando di rischi nei luoghi di vita e di lavoro non è possibile evitare una riflessione fugace sulla situazione politica corrente, che si attorciglia su se stessa in uno scontro di posizioni bilaterali, tale da far presagire una vera e propria crisi istituzionale. Maggiori informazioni

D. Lgs. 81/08 sulla sicurezza e l’igiene del lavoro. Con la semplificazione normativa l’arbitrio può diventare possibile.

Vincenzo Lucarelli

La crisi economica sta creando un clima di ansia sociale, che non consente di dare certezza di significato alle riflessioni su come evolve la politica in vista del 2013 e come arretra di giorno in giorno il mondo del lavoro anche in riferimento alla semplificazione del Decreto legislativo 81/2008.

Maggiori informazioni

La sicurezza e la salute nei luoghi di vita e di lavoro non sono un lusso

Vincenzo Lucarelli

Sono passati alcuni decenni dall’entrata in vigore della Riforma Sanitaria, (al di là dei costi astronomici della sua organizzazione centrale e periferica), ma siamo ancora di fronte a ulteriori esami e ripensamenti della normativa vigente. Soprattutto, per quanto riguarda la centralità della prevenzione come unico e fondamentale obiettivo da raggiungere per ridurre morti, malattie, tumori e invalidi. Maggiori informazioni

Si ricomincia sempre da 3

Fulvio Fornaro

Stiamo pian piano smaltendo quel torpore che è  avvolgente nei confronti di, chi per un certo periodo, pur breve, ha oziato. Forse non c’è mai stata una paparella, una crema solare, un ombrellone e quant’altro accomuni i colori di questa splendida, meravigliosa estate, che ha corroborato l’animo ed il fisico.

 

Maggiori informazioni

Non si vive di solo mercato

Vincenzo Lucarelli

Il titolo di questa nota giornalistica non è la sintesi di un imperativo da cui emergono numerosi dubbi sull’andamento della durevole crisi economica. Piuttosto, è l’espressione di un capitalismo globalizzato, che riguarda tutti noi. In particolare il mondo del lavoro e l’ambiente di vita; due realtà in sofferenza per la perdita di valori pubblici, a partire dalla responsabilità sociale, per finire con la fallacia del libero mercato con cui oggi si ritiene di garantire prosperità e sicurezza. Maggiori informazioni

Nell’estate bollente 2012 nemmeno Scipione l’Africano, Nerone ed altri sono riusciti a prevenire infortuni e tecnopatie in ambienti di vita e di lavoro

Vincenzo Lucarelli

Non si possono trasferire agli altri le responsabilità che sono nostre, leggendo le cronache che giorno per giorno, in un’estate lunga e bollente ormai in dissolvimento, hanno ricordato che il lavoro è sempre e comunque a rischio, viste le conseguenze negative di un’economia boccheggiante, che ha messo a nudo disagi i più vari.

Maggiori informazioni

Una SLA nei campi?

Fulvio Fornaro

Siamo nel campo delle ipotesi. Molto remote, ma, nel 2011 , in Piemonte sono stati diagnosticati 123 casi di Sclerosi Laterale Amiotrofica (nota anche come SLA) tra gli agricoltori; un’incidenza di gran lunga superiore alla media (e qui siamo di fronte non alle congetture, ma alla certezza dei numeri). La teoria dell’ipotesi sta in questa equazione:

Piemonte = lavoro = malattie professionali

denominatore comune: Raffaele Guariniello.

Maggiori informazioni