Archivio dei tag

Corso Primo Soccorso

Sail626

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 

 Data Corso: 23, 26 e 27 Febbraio 2018

Luogo del Corso: Corso Umberto I, 127 – Cisternino (BR)

Durata Corso: 12 Ore (Gruppi B e C)

SAIL626 organizza corsi di formazione per addetti Primo Soccorso aziendale conformi alle indicazioni del D.M. n. 388/03.

Il corso è rivolto a tutte le aziende con dipendenti tenute ad ottemperare il predetto obbligo formativo.

Il Corso sarà diviso in 3 moduli:

modulo I (4 ore)

  • Allertare il sistema di soccorso
  • Riconoscere un’emergenza sanitaria
  • Attuare gli interventi di primo soccorso
  • Conoscere i rischi specifici dell’attività svolta

Modulo II (4 ore)

  • Acquisire conoscenze generali sui traumi in ambiente di lavoro
  • Acquisire conoscenze generali sulle patologie specifiche in ambiente di lavoro

Modulo III (4 ore)

  • Acquisire capacità di intervento pratico mediante prova con manichino per esercitazioni pratiche

Per info e costi:

SAIL 626 srl
Sede operativa: Via Regina Margherita, 4 – 72014 Cisternino (Br)

Tel: 080/4448760 (uffici)
335/7547980 (commerciale)

email: info@sail626.itcommerciale@sail626.it

Clicca qui per maggiori informazioni su normativa e classificazione aziende

EXPO 2015 alla prima uscita

Vincenzo Lucarelli

L’esposizione universale (ancora) in allestimento, ha tenuto nei giorni scorsi un’anteprima ufficialità, mettendo attorno a 42 tavoli tematici i rappresentanti di 6 miliardi di persone. A riguardo, secondo Carlo Petrini di Slow-Food, i grandi assenti non sono i cosiddetti esperti della materia, ma purtroppo i contadini. Coloro cioè che sono in grado di produrre cibo per alcuni miliardi di persone da sfamare. Specialmente se si tiene conto, che, nel 1950, la terra era in grado di produrre cibo appena per 1 miliardo mezzo su una popolazione che allora ne contava 2 miliardi e mezzo. Maggiori informazioni

Dal terzo settore 4 milioni di volontari per 70 miliardi di fatturato

Vincenzo Lucarelli

Sia per l’economia e sia per la sicurezza e l’igiene del lavoro, nell’ambito del terzo settore, può farsi strada una speranza concreta di impegno tecnico – professionale per uscire dalla crisi in cui si dibatte il Paese. Non è casuale un’indagine conoscitiva sull’argomento che parte da San Patrignano per comprendere a pieno quanto sia importante recuperare significative risorse umane, professionali ed economiche. Persino in riferimento ad una specifica letteratura sociale che mette in evidenza iniziative volte a fare del bene. Maggiori informazioni

All’appello della sicurezza, soprattutto nelle scuole, non è mancato neanche il CENSIS

Vincenzo Lucarelli

In ordine di tempo, il Centro Studi Sociali del Presidente, Giuseppe De Rita, (che ogni anno gratifica l’opinione pubblica italiana di un rapporto variamente articolato) nelle ultime settimane, a ridosso delle elezioni europee, ha messo il dito sulla piaga del fatiscente patrimonio scolastico immobiliare del Paese. Ai limiti dell’incolumità fisica di bambini e alunni di ogni ordine e grado di istruzione. Maggiori informazioni

Cisternino, 28 aprile 2014. Giornata Mondiale della Sicurezza sul Lavoro

Vincenzo Lucarelli

Una particolare celebrazione eucaristica farà da cornice, e da filo conduttore, alla commemorazione dei morti sul lavoro in un contesto mondiale nella Chiesa Matrice di Cisternino in provincia di Brindisi.

La Chiesa Cattolica, nella circostanza, è chiamata in causa per essere partecipe dei dolori del mondo e perché la sua azione si sostanzia non in labili e vane esortazioni, ma in atti concreti , intesi ad affrontare e risolvere i problemi di una condizione umana che Cristo – per primo – con la Sua presenza sulla Terra ha imposto all’attenzione del Mondo. Maggiori informazioni

Edifici scolastici a rischio. Non c’è più nulla da scoprire dall’altro secolo a oggi

Vincenzo Lucarelli

Se la memoria non ci tradisce, 25.000 scuole pericolanti, insicure e antigieniche, già negli anni ’80 e ’90 del ‘900 erano state identificate (e classificate). Un dato numerico, per come vanno le cose in Italia, certamente cresciuto (e di non poco) in anni successivi a quelli indicati. Particolarmente, su come si costruisce male nel nostro Paese, soprattutto se si tratta di lavori pubblici. Cioè, di quelli relativi ai cosiddetti templi della cultura, del sapere e della competenza professionale. Nei quali la sicurezza è un optional. Maggiori informazioni

Interrogativi e misure per capovolgere la prospettiva contro i rischi nei luoghi di vita e di lavoro

Vincenzo Lucarelli

Torna a farsi sempre più pressante la necessità di un rinnovato rapporto tra sviluppo, sicurezza e capacità di salute. Un compito ineludibile da parte degli interlocutori istituzionali, del mondo scientifico e imprenditoriale.

Ormai, la navigazione a vista fin qui seguita non ha prodotto una inversione di tendenza. Né è alle porte qualcosa di buono per l’economia e la vita sociale, bloccate da un patto di stabilità, assolutamente instabile. Per giunta, oggetto di continui e contraddittori comunicati, che hanno finito per disorientare l’opinione pubblica a tutti i livelli. Maggiori informazioni

EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA dalla famiglia alla scuola fino alla vita associata

Vincenzo Lucarelli

In un periodo di preoccupante insicurezza in ogni ambito della società, l’educazione alla sicurezza, sia pure mirata ai settori del lavoro e degli ambienti di vita, (prima ancora che un imperativo) diventa un obbligo morale e civile ineludibile.

Dall’infanzia alla giovinezza, ed oltre, l’esperienza quotidiana attraversa tutti i gradi della conoscenza, come passaggi essenziali al completamento dell’autonomia di giudizio rispetto ad una molteplicità di rischi nell’arco dello sviluppo della persona. Maggiori informazioni

Primo piano. Su chi scrive (e parla a ruota libera) di infortuni sul lavoro e tecnopatie

Vincenzo Lucarelli

Fotografare come fa, suo malgrado, un’informazione a digiuno di storia economica e di sicurezza e igiene del lavoro, significa non avere bene assimilato la consapevolezza del ruolo affidato alla competizione in atto tra Istituzioni, occupazione, produttività, salute, ambiente e mercato. E a quale grado di frantumazione sono approdati nel tempo i poteri dello Stato, nella dimensione del decentramento amministrativo e operativo, sancito con la riforma sanitaria del 31/12/78. Maggiori informazioni

Prevenzione dei rischi sul lavoro e nei luoghi di vita. Un sentiero stretto tra crescita economica e crisi reale.

Vincenzo Lucarelli

I temi che riemergono dalle ceneri della storia sono identici a quelli collegati all’ethos comunitario. Soprattutto per quanto riguarda un corale impegno del fare, secondo un ambizioso proclama governativo per un salto di qualità nel processo di modernizzazione della vita associata. Un nuovo percorso, a riparo di un montante conflitto collettivo, che richiederebbe una convinta assunzione di responsabilità. Maggiori informazioni